Programma Venerdì
2 settembre 2022

Ore 18:00
Videoconferenza “Da Isadora Duncan a Isadora software informatico”, a cura di Armando Menicacci presso il ridotto dell’Auditorium san Domenico


In diretta video da Montréal, un appuntamento con la storia ed estetica delle relazioni tra danza e nuove tecnologie: un momento dedicato alla conoscenza e all’approfondimento a cura del prof. Armando Menicacci. Ricercatore, artista, musicologo e docente universitario, è membro del gruppo strategico canadese Hexagram; ha lavorato in Italia, in Francia, Inghilterra, Turchia, Brasile e in diverse città del mondo, e risiede oggi a Montréal: il suo lavoro si esprime in produzioni plastiche, performative ed editoriali intorno al rapporto tra arti, corporeità, tecnologie e psicologia.

Ore 19:15
Improvvisazione e Performance con musica dal vivo, “Estratti da Meraki”, a cura di YoY Performing Arts,
presso le Logge di Corso Cavour.


Una nuova occasione, in uno dei b più conosciuti di Foligno, per portare la danza ai cittadini e ai visitatori: un incontro inedito, fonte di suggestioni per gli artisti e per il pubblico. Protagonista, il giovane collettivo YoY Performing Arts, fondato dai coreografi e performer Emma Zani e Roberto Doveri e dal musicista Timoteo Carbone, già segnalato dalla critica per l’originalità creativa ed estetica del lavoro di composizione e intreccio tra danza, musica, arte. Al festival, un estratto dalla performance (su musica dal vivo) “Meraki”, primo capitolo del progetto “Dialoghi con l’arte”, ispirato all’opera Palmira dell’artista egiziano Medhat Shafik, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia. In collaborazione con Stazione Utopia e Meccaniche della Meraviglia.

Ore 21:15
Anteprima assoluta: spettacolo di danza e musica dal vivo, “Rebirth”, con protagonista l’étoile Rebecca Bianchi,
presso l’Auditorium San Domenico


In Anteprima assoluta, una produzione di danza e musica dal vivo che vede la firma, per le coreografie, di Valerio Longo, autore internazionale e vicedirettore artistico del Balletto di Roma: eccezionali interpreti, Rebecca Bianchi e Michele Satriano, étoile e primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma, insieme a Simone Agrò e Jacopo Giarda, interpreti di ruoli principali e solistici all’Opera di Roma. Al pianoforte, il maestro Paolo Vergari, musicista di fama internazionale; consulenza artistica di Giuseppe Distefano, produzione e coordinamento a cura di Alessandro Rende. Una riflessione, in danza, sulla “rinascita” e sul ciclo di trasformazione della vita. Lo spettacolo sarà preceduto da una prova aperta al pubblico e da un incontro con il coreografo; sarà seguito da un ulteriore momento di confronto, tra spettatori e artisti, per approfondire gli aspetti legati alla composizione dell’opera.